Rando: «Il mio desiderio? Regalare la promozione al Città di Messina»

Le esclusive di Golsicilia.it


Mister Rando, da quando in panchina siede lei, causa le condizioni di salute del tecnico Gaetano Accetta, il Città di Messina ha colto risultati positivi in tutti i campi dove si è esibito. Cos'è accaduto alla formazione giallorossa per giustificare tale cambio di marcia?  

«Non c'è stato un cambio di marcia vero e proprio. Io sono arrivato insieme al mister Accetta con un programma che, sotto la mia guida tecnica, prosegue inalterato. Se è cambiato qualcosa dipende solamente dalla fortuna. La ruota ha iniziato a girare per il verso giusto. Prima le prestazioni erano buone, però mancava sempre il gol, ora le cose vanno bene. Stiamo raccogliendo quello che abbiamo seminato in precedenza».


Nell'ultima sfida contro il Belpasso è arrivato un pareggio per 1-1 che ha interrotto un filone di sei vittorie consecutive. Calo di tensione o semplice intoppo?

«Più che di intoppo sarebbe meglio parlare di un avversario che aveva l'acqua alla gola. Il Belpasso ha giocato con grande determinazione. Noi abbiamo giocato forse la migliore partita della mia gestione ma non è bastato. Siamo andati in vantaggio e in numerose occasioni sia andati vicini al secondo gol. In un'azione di contropiede abbiamo subito il pareggio. Il secondo gol l'avevamo pure segnato ma il guardialinee, lontano dall'azione, ce l'ha negato per un fallo inesistente. L'arbitro invece, ad un metro di distanza, l'aveva convalidato. Mai vista una cosa del genere nella mia carriera, c'è molto rammarico».

La prossima sfida vi pone come ostacolo il Palazzolo, che partita sarà quella con la prima in classifica?

«Il Palazzolo merita la sua attuale posizione. Lo dissi già parecchio tempo fa che, la formazione gialloverde, era la squadra più attrezzata per vincere il campionato. Per noi sarà una partita importante. Le ultime cinque gare possiamo definirle tutte come delle finali. Tutto sommato, sarà una partita come le altre. Sappiamo che ci sono delle difficoltà ma allo stesso tempo siamo consapevoli del nostro ottimo stato di forma. Cercheremo di rendergli la vita impossibile».

Quali giocatori toglierebbe ai suoi avversari?

«Ce ne sono parecchi, preferisco però i miei e me li tengo belli stretti. Non li cambierei con nessuno».

Parlando invece dei calciatori a sua disposizione, chi è stato il più decisivo, a suo parere, fino ad ora?

«Questo è un collettivo che ha avuto tante difficoltà, specialmente quando ha dovuto cambiare, nello stesso momento, allenatore e direttore generale. Adesso si è creato un grande gruppo, quindi, a parer mio, quest'ultimo è quello che conta».

Il mister Accetta tornerà in panchina o, visti i risultati da lei conseguiti, le lascerà il timone fino al termine?

«Con il mister siamo in contatto continuo. Lui sta bene, ha ripreso la sua vita quasi normalmente ma non tornerà ad allenare per tutto il resto dell'anno. Al momento sta ricoprendo un ruolo importante nella società, per tornare in panchina però non se ne parla».

Con lei alla guida, qual'é l'obiettivo che si prefigge questo Città di Messina?

«Sin dal primo giorno ho detto ai ragazzi di non guardare la classifica e che ci aspettavano tredici finali. Adesso, che ne mancano cinque, abbiamo l'obbligo di continuare a dare il massimo. Come si è visto, non è bastato conseguire una striscia di risultati importanti per raggiungere pienamente la zona play-off. Il nostro obiettivo primario è quello di giungere agli spareggi con il miglior piazzamento possibile».

E qual'è invece il suo desiderio nel cassetto?

«È inutile nascondersi. Il mio desiderio sarebbe quello di regalare una soddisfazione a questa società. È una società nuova che non ha mai perso la fiducia e ci ha sempre incoraggiato, anche quando le cose non andavano per il verso giusto. L'impegno era l'unica garanzia che veniva rischiesta e  finora non è mai mancato. Mi auguro di poter regalare la promozione».

Solitamente diamo la possibilità di inviare un messaggio ai tifosi, cosa vorrebbe dire a quelli giallorossi?

«Voglio dire ai tifosi che non lesineremo sforzi e che, di conseguenza, metteremo tutto quello che abbiamo nel raggiungimento di un traguardo. La squadra, i tifosi e, soprattutto, la città meritano palcoscenici ben più importanti».

Grazie al mister Rando.

«Grazie a voi e buon lavoro».

 

Per visualizzare la classifica del girone B di Eccellenza, CLICCA QUA

Per visualizzare l'intervista al tecnico del Palazzolo, Giuseppe Anastasi, CLICCA QUA


Per l'intervista si ringrazia l'ufficio stampa del Città di Messina

(Golsicilia.it)


Salvatore Peri 11/03/2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti Articoli correlati
Golsicilia.it © 2014 Testata giornalistica telematica sportiva registrata presso il Tribunale di Palermo con pratica n.6 del 03/02/2010 e il Registro operatori della comunicazione con pratica n.20399
Direttore responsabile Dario Li Vigni  –   Edito dalla Montalbano editore di David Montalbano - via Cortigiani, 19 – 90135 Palermo – P.I. : 02582420846
Ricambi per moto e abbigliamento per bikers low costStampa digitale grande formato, banner, insegne, cartelloni, gonfaloni e tanto altro