Catania in festa: rossazzurri salvi!

L'editoriale


Può iniziare la festa a Catania: i rossazzurri sono matematicamente salvi. Dopo la prima vittoria esterna stagionale, ottenuta meritatamente questo pomeriggio a Brescia, la formazione di Diego Simeone era a un passo dal raggiungimento del proprio obiettivo: a sancirne l’ufficialità è stata la sconfitta della Sampdoria nel derby contro il Genoa, posticipo serale della 36esima giornata di serie A. Il vantaggio degli etnei sulla zona retrocessione a due giornate dalla fine del torneo, così, è diventato incolmabile per i doriani che, in queste ultime giornate di campionato dovranno, quindi, lottare contro Lecce, Cesena e Bologna, le altre squadre che ancora non sono al sicuro. Il Catania, quindi, scenderà in campo con estrema tranquillità nelle ultime due partite del 2010/2011: domenica prossima nella sfida casalinga contro la Roma e, tra due settimana, allo stadio Giuseppe Meazza contro l’Inter.

Il dato più importante della giornata di oggi, comunque, è stato la prima vittoria esterna stagionale. Un risultato che, per la precisione, mancava dal 7 febbraio 2010, quando la squadra allora allenata da Sinisa Mihajlovic, si impose 1-0 a Roma contro la Lazio con il primo gol in maglia rossazzurra di Maxi Lopez.  Gli etnei, così, hanno mostrato, una volta tanto, quel carattere che in tante occasioni era mancato. Sì, perché gli uomini allenati da Marco Giampaolo prima e Diego Simeone poi, più di una volta erano riusciti ad arrivare a un passo da risultati prestigiosi lontano dalle mura amiche (basti ricordare la sfida dell’Olimpico contro la Roma), ma poi, per una questione che più volte è stata definita “mentale” dai giocatori, non si riusciva mai a mettere il risultato in cassaforte.

Tra le note positive di questa giornata inseriamo capitan Silvestre che ha messo il suo marchio sulla salvezza segnando ben sei gol, di cui due consecutivi: miglior modo per congedarsi dai tifosi della città dell’Elefante non poteva esserci. Non possiamo dire lo stesso di Maxi Lopez, ormai da tempo svogliato e con la testa ad altri lidi. Oggi l’ex "delantero" del Barcellona è stato sostituito in maniera impeccabile da Gonzalo Bergessio, che si è potuto finalmente esprimere nella sua posizione preferita. Ottimo anche l’operato dell’inedita coppia a supporto dell’ex attaccante di Benfica e Saint-Etienne: Alejandro Gomez e Ezequiel Schelotto, che hanno fatto ammattire la retroguardia della squadra lombarda. Considerazione a parte merita il ritorno in campo, dopo cinque mesi, di Marco Biagianti: il centrocampista toscano non è ancora al top, ma il suo rientro è importante in chiave futura. Infine, un plauso va al tecnico Simeone, che nella sfida decisiva ha avuto il merito di schierare la formazione migliore, compiendo scelte difficili (come l’esclusione di Maxi Lopez dall’undici iniziale) che, alla fine, gli hanno dato ragione.


Andrea Motta 08/05/2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti Articoli correlati
Golsicilia.it © 2014 Testata giornalistica telematica sportiva registrata presso il Tribunale di Palermo con pratica n.6 del 03/02/2010 e il Registro operatori della comunicazione con pratica n.20399
Direttore responsabile Dario Li Vigni  –   Edito dalla Montalbano editore di David Montalbano - via Cortigiani, 19 – 90135 Palermo – P.I. : 02582420846
Ricambi per moto e abbigliamento per bikers low costStampa digitale grande formato, banner, insegne, cartelloni, gonfaloni e tanto altro